venerdì 25 maggio 2012

"Coccobello" ovvero...liquore cremoso al cocco



Il cocco è sinonimo di estate. Quando ero piccina, sulla spiaggia, passavano mille venditori di "Coccobelloooooo, Coccofrescooooo!!!!" e io appena li sentivo, correvo da mia mamma e mi facevo dare quanto? mmmh, cinquecento lire? Mille lire? Insomma, quello che era, per andarmi a prendere un bel pezzo di cocco. E me lo mangiavo seduta sul bagnasciuga, con le mani impastate di sabbia e di crema da sole. Ma non importava, e chi ci faceva caso, a me piaceva proprio così, alla buona!
Per non parlare di quando con i miei andavamo fuori a mangiare la pizza e puntualmente appena finito, io e mio fratello ci recavamo ai frigoriferi e sceglievamo il sorbetto al cocco, quello confezionato dentro a mezza noce di cocco vera...quanto ci piaceva!! Poi ci ritrovavamo sempre a portare via il guscio, lo lavavamo e lo tenevamo per giocarci! 
Che bei tempi! I tempi dell'infanzia e della spensieratezza! Chissà il monellino, o monellina, che ho dentro la pancia cosa si ricorderà della sua tenera età? Adesso che la pancia inizia finalmente a vedersi e inizio a sentire i suoi primi "toc-toc", mi fa sempre più uno strano effetto, e non vedo l'ora di averlo tra le mie braccia per strapazzarlo di COCCO-le (hi hi hi)! :-) 

Ovviamente per ora niente Coccobello per me, ma non quello che intendete, ovviamente il cocco fresco ben lavato lo posso sempre mangiare! Volevo dire, niente liquore cremoso al cocco... invece voi, se vi piace il cocco, dovete provarlo, perché ora che si va nell'estate, è una vera delizia fresca da offrire agli amici nelle calde sere oppure anche da regalare, farete sicuramente una bellissima figura!

PS. Comunicazione di servizio: Finalmente, e dico, finalmente, ho i nomi dei vincitori del contest "La Toscana nel piatto"! Però, visto che ho fatto 30, voglio fare 31, voglio avere pronti anche i premi. In ogni caso, vi dirò tutto nel prossimo post! :-)




Coccobello
per due bottiglie

alcool a 95°, 200 ml
latte di cocco, 400 ml
farina di cocco, 160 grammi
latte parzialmente scremato*, 730 ml
zucchero, 400 grammi

* Io ho usato il latte che avevo in casa, ma se preferite ancora più denso usate il latte intero. A mio avviso però, così era già cremosissimo, quindi non dovrebbe cambiare più di tanto!


Mettete in una pentola il latte di cocco, il latte e lo zucchero e fate cuocere a fiamma bassa per circa 5 minuti, in modo che lo zucchero si sciolga, sempre mescolando. Aggiungere la farina di cocco e fate cuocere per altri 10 minuti. Fate passare il composto al colino e schiacciate bene la farina di cocco. Fate raffreddare bene e aggiungete poi l'alcool. Mescolate ed imbottigliate. Tenete in frigorifero, o anche in freezer.

8 commenti:

L'acqua 'dorosa ha detto...

Da due giorni anche qui nelle Marche è arrivato un gran caldo e con questo bicchiere gustoso mi viene voglia di mare e d'estate!

Marina Paris ha detto...

Buono, che bella idea!!!!

Letiziando ha detto...

Un bicchierino mi par proprio che ci stia d'incanto :-)

Buona giornata

NADIA ha detto...

Che bel post!
Mi hai fatto pensare alla mia infanzia quando anch'io mangiavo il pezzo di cocco in spiaggia dopo aver fatto il bagno!
E ti faccio le mie felicitazioni: conoscendoti da poco non sapevo del lieto evento!
Brindo con un pò di questa delizia.

Nadia - Alte Forchette -

rebecca ha detto...

ma come no ...che bello o cocco magnateve o cocco bello....che bei ricordi, deve essere molto gustoso il liquore, bravissima!un abbraccio a te e al tuo...pancino
ciao Reby

Jeggy ha detto...

mmmm.....cocco!!! Hai proprio ragione: ricorda l'infazia anche a me! Questa versione alcolica "per adulti" è fantastica!

paroledizucchero.com ha detto...

ahh che voglia di cocco con l'estate che arriva. Il tuo post arriva proprio a puntino, grazie dell'idea.
Sai che stavo cercando il latte di cocco quando ero in Italia il mese scorso, e ad un certo punto mi sono scoraggiata perche' non lo trovavo. Alla fine dopo il quarto supermercato, l'ho finalmente beccato nel settore cibi etnici.
Ad ogni modo, bella ricetta, mi sa che la passo pari pari al mio maritino per farla (e' lui che si occupa delle ricette con alcool).
Un abbraccio,
Giulia

Enrica ha detto...

Ieri mare e il tuo "coccobello" ci sarebbe stato proprio bene, oggi pioggia...
Molto, molto carina la bottiglia verde!