lunedì 24 febbraio 2014

Castagnole alla ricotta



Il Carnevale è arrivato puntuale come sempre anche quest'anno e, a differenza di tutti gli altri anni, ci stiamo anche divertendo! Stranamente, dico io, perchè a casa nostra avevamo un odio sviscerato per questa festa. Coriandoli, stelle filanti, schiume, carri....oddio, non li sopportavamo nemmeno visti da lontano. Quando ero piccola i miei ci portavano sempre a me e mio fratello alle festicciole paesane tutti vestiti di sana pianta, con trucco compreso! Poi dall'età delle medie, ho avuto un ripudio. Certo che i ragazzi di quell'età non è che si vestono da "Ape Maia"....i vestiti dell'epoca erano solo rigorosamente Punk! Che orrore e che antipatia, pensavo io. Poi invece è arrivato Edoardo e se l'anno scorso, visto che aveva solo pochi mesi, l'abbiamo scampata, quest'anno vi dirò di più, non ho visto l'ora di comprare il suo bel vestito verde da Coccodrillo! Come si cambia quando si diventa genitori! E mamma, babbo e figlio ci siamo diretti a festeggiare il Carnevale, sporcandoci di schiume, soffiando stelle filanti e ricoprendoci da capo a piedi di bei coriandoli colorati. E il nostro Edoardo felice e contento un pò titubante riguardo a questa strana festa (mentre lo vestivamo si guardava addosso stralunato) si è divertito come un matto e noi, forse, più di lui! Chi l'avrebbe mai detto! E domenica, ci aspettano altri carri e altre sfilate! 



Ma parliamo di queste castagnole che sono veramente ottime! Ricetta scovata su una rivista della Prova del Cuoco di qualche tempo fa, direttamente dall'agenda di Anna Moroni. Che poi assaggiandole, mio babbo ha trovato subito un collegamento con quelle che faceva mia nonna quando lui era piccino. Di fatti, ne ha mangiate quasi tutte lui. I ricordi del cibo che ricollegano a gusti passati sono i più belli! Peccato che sua mamma non avesse un libricino con le sue ricette, le avrei gradite, visto che è morta quando io avevo un paio d'anni e sarebbe stato un bel ricordo. 




Castagnole alla ricotta
per otto persone

farina, 400 grammi
fecola di patate, 100 grammi
burro, 50 grammi
tuorli, cinque
zucchero, 150 grammi
ricotta mista, 300 grammi
latte, 150 grammi circa
rum, un bicchierino
arancia, la scorza di una
limone, la scorza di uno
lievito per dolci, una bustina
sale, un pizzico

olio di semi d'arachide, q.b.
zucchero a velo, q.b.

In una ciotola grande mescolate farina, fecola e burro fuso. Aggiungete poi i tuorli, lo zucchero, la ricotta, il sale, il lievito, le scorze grattugiate e il rum. Amalgamate bene e incorporate il latte (la ricetta originale ne prevede 150 grammi, ma io ne ho messi 100 grammi perchè la ricotta era bella umida). Impastate bene fino ad ottenere una consistenza morbida come gli gnocchi. Realizzate delle palline grandi come noci, formando prima un cordoncino con l'impasto, poi tagliatene dei pezzetti e arrotondateli con i palmi delle mani. Friggete le castagnole ad immersione nell'olio ben caldo (io ho usato il wok!) e fatele dorare. Scolatele bene e adagiatele su un vassoio ricoperto di carta assorbente e carta gialla. Raffreddatele e spolverizzatele con dello zucchero a velo.

1 commento:

Memole ha detto...

Golosissime!!!